giovedì 27 luglio

27 Luglio 2017

Il Blog va in vacanza, ma il nostro gruppo dell’ospitalità no. Resta qui a presidiare Brolio, in attesa del vostro arrivo.

Il mese delle vacanze per eccellenza è proprio Agosto: alcuni scelgono le città d’arte, altri il mare oppure la montagna, ma la campagna toscana, con i suoi paesaggi di chiaro fascino, riveste sempre un ruolo importante nei ragionamenti sulle scelte delle destinazioni.

In questa porzione di Toscana, a un’ora di macchina da Firenze e a mezz’ora scarsa da Siena, si può scoprire un microcosmo dalle tante sfaccettature: per i succitati amanti dell’arte, il Castello offre visite che rievocano tempi antichi con un tocco di contemporaneità (ricordate “I fiori di loto”?). Per i coraggiosi, i percorsi “eroici” in bicicletta stupiscono e arricchiscono una pedalata dopo l’altra: una sosta all’Agribar saprà dare nuove energie e rinnovato vigore. Per i buongustai, una cenetta a lume di candela all’Osteria del Castello. Per gli appassionati di buon vino, la visita delle cantine e le degustazioni.

Allora, ecco una lista delle cose da fare a Brolio, anche in compagnia dei vostri amici a quattro zampe, in una calda giornata d’agosto.

Madonna a Brolio, giorno 1 (e giorni a seguire!):

1) Uno (o tutti) dei tour offerti, precedentemente prenotato. Tentare il colpo di fortuna se non si è prenotato e chiedere all’Enoteca. Il Tour Privilege è l’unico all’interno degli appartamenti privati del Castello: imperdibile!

2) Colazione o merenda o qualsiasi cosa all’Agribar: croissant di pasticceria, panini e schiacciate farcite con salumi tipici, caffè e delizie varie rigorosamente di origine toscana.

3) Gironzolare alla ricerca del Leccione e di Podernuovi, la nostra casa colonica dove fu girato Io ballo da Sola… ma attenzione, il tempo vola.

4) Pranzetto all’Osteria del Castello: tavoli all’aperto, nel bosco inglese sotto il Castello di Brolio. Vini meravigliosi e piatti della tradizione.

5) Degustazione dei nostri vini e curiosità all’Enoteca (di fronte all’Agribar, a Madonna a Brolio)

6) Gironzolare ancora e affrontare la salita fino al Castello. Visita libera con il semplice acquisto del biglietto d’ingresso ai giardini: attenzione a non rimanere troppo estasiati dal tramonto altrimenti non si esce entro l’orario di chiusura.

7) C’è tempo di visitare le cantine? Chiedete all’Enoteca: le ragazze (le stesse del punto 5!) sono il massimo della gentilezza e sapranno anche raccontarvi come il Barone Bettino Ricasoli inventò la formula del Chianti Classico nel 1872 proprio qui a Brolio.

8) Cenetta a lume di candela all’Osteria del Castello oppure Tour al Tramonto.

9) Ma le vigne le avete viste? Appuntamento a domani per il Tour dei Vigneti e per degustare i nostri Cru.

10) Per fortuna avete prenotato all’Agresto per sonni paradisiaci nel silenzio tra le vigne.

11) Prima di ritirarvi, prenotate il picnic: ritirerete l’indomani il cestino con un menu dedicato e il vostro vino e sarete accompagnati in uno dei posti riservati tra le nostre vigne.

12) Al risveglio del giorno successivo, un tuffo in piscina e poi di nuovo all’Agribar, e poi al Castello, e poi all’Osteria, e poi all’Enoteca, e poi non riuscirete più ad andarvene.

Vi aspettiamo!

  • Condividi su Facebook
  • Condividi su Twitter